Statuto della Camera penale Michele Pompermaier

 

Avvertenza: lo statuto in vigore è unicamente quello risultante dall'allegato pdfSi ringrazia fin d'ora chi vorrà segnalare eventuali difformità da quello riportato per comodità di seguito.

 

Art. 1

(1) E' costituita in Trento, tra gli Avvocati iscritti negli Albi Professionali del Distretto della Corte di Appello di Trento ed i praticanti iscritti nel registro Speciale dei medesimi Albi, la CAMERA PENALE DI TRENTO "MICHELE POMPERMAIER" libera associazione di categoria, senza fini di lucro, ai sensi del D.Lgs. 4/12/1997 n. 460; che aderisce alla Unione Nazionale delle Camere Penali.

(2) Essa ha la sede presso l'Ordine degli Avvocati di Trento.

Articolo 2 : Scopi

La Camera Penale ha come suoi scopi:

(a) promuovere la conoscenza, la diffusione, la concreta realizzazione e la tutela dei valori fondamentali del diritto penale e del giusto ed equo processo penale;

(b) operare affinché i diritti e le prerogative dell'avvocatura siano garantiti confor-memente alle norme nazionali ed internazionali;

(c) tutelare il prestigio ed il rispetto della funzione del difensore, e gli interessi pro-fessionali dell'avvocatura, anche attraverso l'elaborazione di proposte di riforma legislativa;

(d) promuovere gli studi e le iniziative culturali e scientifiche volte a migliorare la conoscenza, sia fra gli iscritti che la popolazione, delle problematiche connesse alla giustizia penale con particolare riferimento alla realtà locale (anche tenendo conto quanto ai Giudici di Pace delle specifiche autonomie locali);

(e) promuovere e/o sostenere tutte quelle iniziative, studi e ricerche anche scienti-fiche, dirette a sollecitare e/o sostenere le riforme dell'Ordinamento Giudiziario aderenti alle esigenze della collettività e comunque dirette a garantire la libertà e l'autonomia della giurisdizione

(f) affermare che il diritto di difesa deve trovare adeguata rappresentanza e tutela politica, quale strumento di garanzia delle potenzialità dell'individuo;

(g) rinsaldare i vincoli di solidarietà e di colleganza professionale fra tutti gli Avvocati che svolgono attività forense in materia penale;

(h) tutelare il prestigio del Foro Penale;

(i) favorire l'attività del difensore penale anche con l'istituzione e/o gestione degli opportuni servizi atti a facilitare l'esercizio della professione;

(j) promuovere e sviluppare il senso della deontologia professionale;

(k) promuovere e mantenere contatti con le altre Camere Penali, così in particolar modo quelle della Regione Trentino Alto Adige prevedendosi all'uopo fin da ora la futura costituzione di un coordinamento con le altre Camere Penali del Distretto della Corte di Appello di Trento; altresì promuovere e mantenere i contatti con l'U-nione Nazionale delle Camere Penali Italiane, e con l'Associazione delle Camere Pe-nali delle Tre Venezie, e con gli Ordini Professionali e con le altre Associazioni Fo-rensi;

(l) promuovere e mantenere contatti con le Autorità Giudiziarie al fine di favorire la collaborazione fra Magistrati ed Avvocati per il miglior assolvimento delle recipro-che funzioni;

(m) svolgere ogni attività idonea a conseguire la miglior attuazione degli scopi isti-tuzionali, e così in particolare svolgere assemblee, conferenze, pubblicazioni, con-gressi, corsi e quant'altro di volta in volta ritenuto più idoneo.

Articolo 3 : Patrimonio

(1) Il Patrimonio della Camera Penale è formato dalle somme versate dagli iscritti a titolo di quote associative o di contributi, volontari o straordinari, altresì da contributi, sovvenzioni, lasciti, donazioni ed eredità anche di Enti, pubblici o privati;

(2) Quote e contributi associativi non sono trasmissibili né rivalutabili, né rimborsa-bili in alcun caso;

(3) Eventuali utili o avanzi di gestione, nonché fondi, riserve o capitale non potranno mai essere distribuiti ai soci e in caso di scioglimento per qualsiasi causa l'intero patrimonio dovrà essere devoluto ad altra associazione con finalità analoghe o ai fini di pubblica utilità secondo le norme fiscali in vigore.

Articolo 4 : Partecipazioni ad Enti ed Associazioni

La Camera Penale di Trento aderisce all'Unione delle Camere Penali Italiane e all'Associazione delle Camere Penali delle Tre Venezie; può altresì aderire ad Associazioni Giuridiche Forensi Nazionali ed Internazionali.

Articolo 5 : Soci

(1) Alla Camera Penale di Trento possono aderire gli iscritti negli Albi degli avvocati del Distretto della Corte di Appello di Trento, nonché i praticanti iscritti nel Registro Speciale dei medesimi Albi abilitati al patrocinio.

(2) L'iscrizione, nel possesso dei requisiti di cui al comma 1, consegue al pagamento della quota associativa.

(3) Ogni iscritto è tenuto al pagamento della quota associativa entro il 30 aprile di ciascun anno, nella misura determinata dall'assemblea, è altresì tenuto al pagamento degli altri eventuali contributi deliberati dall'assemblea entro 30 giorni dall'approvazione.

(4) Il pagamento della quota associativa per l’anno in corso, anche se successivo alla data di cui al comma (3), dà diritto di voto in assemblea.

(5) Il Socio cessa di far parte della Camera penale nei seguenti casi:

(a) per dimissioni, che hanno effetto dalla data di ricezione della relativa comunica-zione o della diversa successiva data indicata dal Socio;

(b) per radiazione o cancellazione dall'Albo degli Avvocati;

(c) per radiazione dalla Camera Penale;

(d) per perdita dei requisiti di cui al comma 1) ed al comma 3) presente articolo, previa diffida ad adempiere entro 15 giorni rimasta inevasa.

(6) Il Socio radiato non può essere riammesso prima che possano essere trascorsi cinque anni dalla radiazione e previa approvazione dell'Assemblea.

(7) Ogni Socio ha diritto di ottenere copia delle delibere dell’assemblea e dei bilanci verso pagamento del solo costo di riproduzione

Articolo 6 : Organi

Sono organi della Camera Penale l'Assemblea, il Consiglio Direttivo, il Presidente, il Vice Presidente, il Segretario, il Collegio dei Probiviri e Revisori dei Conti.

Articolo 7 : L'Assemblea

(1) L'Assemblea è convocata dal Presidente almeno una volta all'anno con comuni-cazione agli iscritti 8 giorni prima, salvi i casi di urgenza.

(2) Nella comunicazione sono indicati gli argomenti posti all'ordine del giorno.

(3) L'Assemblea deve essere convocata in via straordinaria tutte le volte in cui vi sia la richiesta di almeno 1/3 degli iscritti.

(4) L'Assemblea è valida qualunque sia il numero dei presenti e delibera a maggio-ranza dei votanti; tuttavia per le modifiche al presente Statuto è necessaria la mag-gioranza assoluta degli iscritti.

(5) L'Assemblea dei soci: (a) stabilisce le linee programmatiche della Camera Penale; (b) delibera sulle questioni di maggiore importanza; (c) elegge il Consiglio Direttivo ed il Collegio dei Probiviri e Revisori dei Conti; (d) approva ogni anno entro il mese di aprile il rendiconto predisposto dal Tesoriere; (e) determina l'ammontare delle quote associative e di altri eventuali contributi.

(6) Ogni socio ha diritto ad un voto; ogni socio può altreì delegare per iscritto altro socio affinchè lo rappresenti e voti per lui; nessuno può essere portatore di più di 5 deleghe.

Articolo 8 : Il Consiglio Direttivo

(1) Il Consiglio Direttivo è composto da 6 membri eletti.

(2) I comportamenti sono eletti dall'Assemblea fra tutti i soci della Camera Penale.

(3) Essi restano in carica per due anni e comunque fino all'elezione del nuovo Consiglio. Non sono eleggibili per almeno un biennio i soci che siano stati mem-bri del consiglio Direttivo per tre bienni consecutivi.

(4) Il Consiglio nomina il Presidente, il Vice Presidente ed il Segretario nel suo ambito; altresì nomina il Tesoriere al di fuori del suo ambito, il quale partecipa alle riunioni del consiglio Direttivo con potere di voto.

(5) Il Consiglio Direttivo delibera a maggioranza dei presenti ed è presieduto dal Presidente o in sua assenza dal Vice Presidente.

(6) Il Consiglio Direttivo attua le finalità dello Statuto e le deliberazioni dell'Assem-blea; può nominare Commissioni per svolgere particolari funzioni; può sottoporre all'Assemblea l'adozione di norme e di regolamenti interni; è competente per tutte le iniziative che potranno apparire opportune per la miglior organizzazione degli scopi sociali e potrà adottarle - in casi di particolare urgenza - anche indipendente-mente dal preventivo interpello dell'Assemblea.

(7) L'astensione dalle udienze ed altre forme di protesta collettiva sono decise dal Consiglio Direttivo che, ove possibile, assume il parere dell'Assemblea.

(8) Il Consiglio Direttivo convoca periodicamente gli iscritti al fine di informarli sull'attività della Camera Penale e delle altre Associazioni di cui la stessa fa parte nonché per rilevare i problemi e le difficoltà degli iscritti; ha la facoltà altresì di sol-lecitare il presidente per la convocazione dell'Assemblea.

Articolo 9 : Il Presidente

Il Presidente della Camera Penale viene nominato dal Consiglio Direttivo nella prima seduta successiva all'elezione di quest'ultimo ed ha la rappresentanza legale nonché la legittimazione attiva e passiva della Camera Penale.

Articolo 10 : Il Vice Presidente

Il Vice Presidente della Camera Penale viene nominato dal Consiglio Direttivo nella prima seduta successiva all'elezione di quest'ultimo e sostituisce il Presidente in ca-so di impedimento o anche di semplice assenza.

Articolo 11 : Il Segretario

(1) Il Segretario della Camera Penale viene nominato dal Consiglio Direttivo nella prima seduta successiva all'elezione di quest'ultimo e coadiuva il Presidente in ogni sua attività.

(2) Conserva le delibere, le decisioni, i bilanci e gli altri atti di tutti gli organi della Camera Penale e ne rilascia copia agli aventi diritto

Articolo 12 : Il Collegio dei Probiviri e Revisore dei Conti

(1) Il Collegio dei Probiviri e Revisori dei Conti è composto da 3 Soci, di cui due no-minati dalla Assemblea ed il terzo nominato, con funzioni di Presidente del Collegio, dal Consiglio Direttivo; rimane in carica per 4 anni.

(2) Delibera a maggioranza dei voti.

(3) Controlla le attività amministrative e contabili dell'Associazione e ne riferisce all'Assemblea che approva il bilancio, mediante relazione scritta da allegarsi allo stesso; altresì esercita ala funzione disciplinare con le forme e nei casi di cui al regolamento che lo stesso Collegio predisporrà e che sarà approvato dall'Assemblea; tale regolamento sarà ispirato alla semplificazione delle forme nel rispetto del diritto di difesa dell'incolpato.

(4) Può irrogare le sanzioni del richiamo verbale, della censura, della sospensione per un periodo non inferiore a due mesi e non superiore ad un anno, e della radia-zione nei casi stabiliti dal regolamento.

Articolo 13 : Il Tesoriere

(1) Il Tesoriere è nominato dal Consiglio fra i soci della Camera Penale e gestisce il patrimonio della stessa.

(2) Effettua i prelevamenti e provvede ai pagamenti; predispone annualmente il rendiconto economico e finanziario da sottoporre all'approvazione della Assemblea, previo esame da parte del Collegio dei Probiviri e Revisori dei Conti e altresì da parte del Consiglio Direttivo.

(3) In caso di suo impedimento, le funzioni del Tesoriere sono svolte dal Segretario.

Articolo 14 : Incompatibilità

(1) Le cariche di membro del Consiglio Direttivo e del Collegio dei Probiviri sono in-compatibili tra loro.

(2) La carica di Presidente e Vice Presidente è incompatibile con quella del Presidente o Segretario del Consiglio dell'Ordine degli Avvocati.

Articolo 15 : Clausola Arbitrale

(1) La soluzione di ogni e qualsiasi controversia che dovesse insorgere tra i Soci o tra essi e la Camera Penale per qualsiasi fatto o causa originata dall'appartenenza all'associazione medesima è devoluta al giudizio di un Collegio Arbitrale, qualora non rientri nella competenza del Collegio dei Probiviri.

(2) Il Collegio arbitrale è composto da tre membri avvocati: ciascuna parte nomina un arbitro e questi nominano di comune accordo il Presidente, da scegliersi tra i Presidenti delle Camere Penali aderenti all'Unione delle Camere Penali Italiane.

(3) In difetto di accordo il Presidente è nominato dal Presidente del Collegio dei Probiviri che provvede anche alla designazione dell'arbitro eventualmente non no-minato dalla parte.

(4) Gli arbitri giudicano quali amichevoli, inappellabilmente, seguendo le norme sull'arbitrato irrituale ed il lodo avrà valore di contratto tra le parti.

Articolo 16 : Regime fiscale

Ai fini dell'applicazione delle normative fiscali e contabili la Camera Penale costituisce Ente Associativo non commerciale ai sensi del D. Lgs. 4.12.1997 n. 460, del D.P.R. 22.12.1986 n. 917 e del D.P.R. 26.10.1972 n. 633.